Chi sono

Biografia


Nato a Noale (VE) il 07 ottobre 1965, risiede fin dalla nascita a Martellago, in Provincia di Venezia. Nel 1984 consegue il diploma di Agrotecnico presso l’Istituto Professionale per l’agricoltura di Castelfranco Veneto, sede staccata di Zero Branco (TV). Nel 1988, dopo aver assolto gli obblighi militari, si iscrive all’Albo degli agenti e rappresentanti del commercio. A partire dall’estate del 1988 ricopre, per un anno, l’incarico di responsabile dell’Agenzia di Badoere (TV) del Consorzio Agrario interprovinciale di Treviso e Belluno. Successivamente, sempre nell’ambito dello stesso Consorzio Agrario dirige, dal 1989 e sino a giugno del 1993, l’agenzia di Zero Branco.

Marco-Stradiotto-Stienta-14

Ha svolto, dal 1993 al 1996, l’attività di Agente di Commercio, per una azienda privata che commercializzava prodotti per l’agricoltura. Dal 1996 al 2000 è sub-agente assicurativo dell’INA Assitalia. E’ iscritto, da gennaio 2007, nell’albo nazionale agrotecnici. Dall’aprile 2013 svolge l’attività di consulente presso SOSE  spa.

Profilo Politico

Nel 1985 viene eletto Consigliere Comunale di Martellago nelle file della Democrazia Cristiana e riconfermato con le elezioni del 1990.
E’ capogruppo della D.C. nel Consiglio comunale di Martellago.
Il 9 gennaio 1993 viene eletto primo cittadino del Comune di Martellago, per decisione del Consiglio Comunale (non esisteva ancora l’elezione diretta), restando in carica fino alla fine di agosto del 1994.
Nel novembre dello stesso anno, con elezione a suffragio diretto, viene eletto Sindaco al primo turno con il 54% dei voti appoggiato da una coalizione comprendente, oltre al P.P.I., anche Autonomia Veneta, Lega Nord e la Lista Civica “Impegno Comune”.
Nel corso del suo mandato è tra quegli amministratori che danno vita al Movimento dei sindaci del Nord Est, guidato dal Sindaco di Venezia Massimo Cacciari.
In occasione delle elezioni amministrative, nel novembre 1998, viene rieletto Sindaco al primo turno con il 71,8 % dei voti, sostenuto da una coalizione formata dal P.P.I, D.S. , U.D.R e la Lista Civica “Impegno Comune insieme per il Nord-Est”.
Nel 2000 viene candidato al Consiglio regionale del Veneto nel cosiddetto “Listino del Presidente”, lista legata al candidato Presidente Massimo Cacciari.
Il 13 maggio 2001 è eletto alla Camera dei Deputati nella lista dell’Ulivo, vincendo il collegio di Mirano (VE) e ribaltando il risultato che le liste registrano nel proporzionale.
Nel corso della XIV legislatura ricopre i seguenti incarichi:
dal 21/06/2001 al 30/10/2001 componente della XII Commissione Agricoltura;
dal 31/10/2001 al 23/12/2004 componente della VI Commissione Finanze;
dal 27/10/2004 al 24/04/2006 componente della V Commissione Bilancio Tesoro e Programmazione;
dal 3/11/2005 al 28/04/2006 viene nominato Presidente del Comitato permanente per la verifica degli andamenti della finanza territoriale.
Nel maggio del 2003, alla fine del mandato da Sindaco di Martellago, scrive un libretto dal titolo “Rendere Conto” dove descrive l’attività svolta negli 11 anni di mandato.
Nel maggio 2006 ad aprile 2007 viene nominato Consigliere del Ministro per l’Attuazione del Programma On. Giulio Santagata.
Nel maggio del 2007 viene nominato, dal Presidente Romano Prodi, Sottosegretario di Stato presso il Ministero dello Sviluppo Economico, con deleghe alla Cooperazione, ai Distretti industriali, al Made in Italy e alla semplificazione.
Il 14 ottobre del 2007 viene eletto all’assemblea costituente del Partito Democratico nella lista a sostegno del candidato segretario Enrico Letta. Alle successive elezioni, eletto Senatore nella lista del Partito Democratico per la circoscrizione del Veneto.
Il 6 maggio 2008 viene eletto dall’Assemblea del Senato Segretario d’Aula entrando a far parte di diritto del Consiglio di Presidenza del Senato della Repubblica. E’ Componente della VI Commissione Finanze e Tesoro del Senato, nonché membro della Commissione Bicamerale per l’attuazione del federalismo e della Commissione per il controllo sui prezzi.

Candidato, alle elezioni politiche del 25 e 26 febbraio 2013,  in una posizione di servizio, risulta essere il secondo dei non eletti nella lista Camera del Partito Democratico nella circoscrizione Veneto 2. Dal 8 novembre 2013 fino al 12 marzo 2016 Segretario provinciale del Partito Democratico di Venezia .

Nel corso di questi anni di attività è autore di alcuni dossier di approfondimento tra cui: “Analisi dei capitoli di spesa del bilancio dello stato”; “Gli effetti della finanziaria sugli enti locali”; ”I tagli sui capitoli relativi alle forze dell’ordine”; “Enti Locali: Una risorsa per il nostro paese”; “Trasferimenti ai Comuni e Federalismo Fiscale”; “Federalismo fiscale in rapporto ai comuni”; “Verso il Federalismo o il clientelismo”; “Frammenti D’Italia: Entrate e spese delle Regioni italiane”; “Federalismo Municipale: Effetti sui singoli comuni del Veneto”; “Federalismo Municipale: Effetti sui capoluoghi di provincia”; “Schematizzazione del Federalismo Regionale”; “Schematizzazione del Federalismo Provinciale”; “Analisi sui dati di Bilancio delle province obbligate ad accorparsi”; “La spesa pubblica aumenta ma la colpa non è degli Enti Locali”; “ Costi della Politica: Sfatare un mito e riformare un sistema”; “Comuni Capoluogo di provincia: Il grande bluff del federalismo”; “Comuni del Veneto: Il grande bluff del federalismo”; “Province Si Province No!; “Federalismo: E’ più facile vendere le bugie che regalare la verità!”; “Federalismo Municipale: Non sarà la terra promessa”; “Schematizzazione del Federalismo Fiscale”; “Federalismo Municipale: Stima degli effetti della compartecipazione ai Comuni del 2 % del gettito IRPEF“; “Analisi dei bilanci consuntivi dei comuni del Veneto”; “Analisi dei Bilanci consuntivi dei comuni capoluogo”; “Il Federalismo alla Rovescia: Più soldi alle città turistiche”; “Trasferimenti da Roma al Veneto”. Nel 2013 ha elaborato aluni dossier che dimostrano come il prelievo fiscale legato all’IMU , abitazione principale, fosse  sperequato sia tra le diverse aree del Paese e sia all’interno dello stesso Comune. Nel 2014 pubblica il suo primo libro dal titolo “L’ultimo miglio del federalismo. Come aumentare l’efficienza della pubblica amministrazione e ridurre il prelievo fiscale” prefazione di Enrico Letta Editore Il Mulino/Arel.

Nel corso di questi anni di attività ha presentato, come primo firmatario, numerose interrogazioni, sia a risposta scritta che a risposta orale, sia in Commissione che in Assemblea. Mentre, come attività legislativa ha presentato, come primo firmatario, alcune proposte di legge: “Atto Senato n° 1124. Patto di Stabilità interno per i comuni con popolazione superiore ai 5.000 abitanti”; “Atto Senato n° 1370. Modifiche al testo unico delle imposte sui redditi di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n° 917, in materia di regime tributario dei redditi derivanti da contratti di locazione e regime delle detrazioni dei canoni di locazione”; “Atto Senato n° 2120. Disposizioni in materia di spese per pubblicazioni, pubblicità e rappresentanza sostenute dagli Enti locali”; “Atto Senato n° 2414. Disciplina dell’Uso delle autovetture in dotazione alle amministrazioni dello Stato”; “Atto Senato n° 2522. Disposizioni per la riduzione dell’imposta sul valore aggiunto relativa agli acquisti di beni e servizi effettuati dalle amministrazioni pubbliche”; “Atto Senato n° 2523. Modifica al decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n° 633 in materia di operazioni esenti dall’imposta del valore aggiunto”.